CPIA 4 TORINO

Diritti alla meta promuove l’integrazione dei cittadini stranieri nei territori di Torino, Pinerolo e Settimo Torinese, attraverso una maggiore conoscenza dell’offerta e delle possibilità di accesso ai servizi di base fondamentali, come l'assistenza legale e la salute.

Supportando le attività dei Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti - CPIA, enti preposti a insegnare l’Italiano agli stranieri che sono luoghi fondamentali per favorire l’inserimento, l’integrazione e l’orientamento dei cittadini migranti sul territorio locale, il CCM interviene con una serie di incontri per rispondere ad alcune delle domande che più di frequente gli allievi rivolgono ai docenti. Si tratta in particolare di bisogno di informazioni su accesso e funzionamento dei servizi di base (es. servizi legali e sanitari), cui non sempre gli insegnanti sanno rispondere.

Il progetto Diritti alla meta, del CCM con IRES Piemonte e ASGI, mira quindi a favorire una maggiore integrazione dei CPIA nella rete dei servizi di accoglienza dei cittadini stranieri attraverso: 

  • un corso di formazioneper i docenti su diritto alla famiglia e diritto alla salute, procedure di rilascio/rinnovo permesso di soggiorno, protezione internazionale e umanitaria, funzionamento e accesso ai servizi sanitari, antropologia medica.
  • sensibilizzazionedegli studenti stranieri su diritto all’immigrazione e diritto alla salute.  

Diritti alla meta è finanziato da Tavola Valdese.

Che cos’è il CCM?

Il CCM - Comitato Collaborazione Medica è una Organizzazione non governativa fondata nel 1968 da un gruppo di medici torinesi convinti che la salute e l'accesso alle cure di base dovessero essere diritti garantiti anche alle persone più vulnerabili dei paesi più poveri. Ad oggi i medici e gli esperti del CCM sono presenti in Burundi, Etiopia, Kenya, Somalia, Sud Sudan e Uganda.

In Africa il CCM:

  • assicura assistenza sanitariadurante la gravidanza , il parto e l'infanzia;
  • rafforzagli ospedali, i centri di salute e i dispensari già esistenti, fornendo attrezzature e medicinali;
  • garantisce l'accesso alle cure, potenziando la rete di servizi sanitari anche nei villaggi più lontani dagli ospedali;
  • forma il personale locale: medici, infermieri, ostetriche e operatori sanitari;
  • incontra le comunità locali e promuove semplici strumenti di prevenzione, come ad esempio la zanzariera.

In Italia il CCM favorisce l’accesso ai servizi sanitari di migranti e rifugiati. Realizza campagne di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza e alle scuole. Promuove corsi di formazione per medici e infermieri.

Diritti alla meta settimo.pdf


Pagine Correlate

     Nessuna pagina

Categorie

     Nessuna categoria